L’Architetto della Dolcezza – Articolo Prima Bergamo

L’architetto della dolcezza, per un miele da Oscar

Riportiamo con piacere un articolo che parla di noi, pubblicato su Prima Bergamo il 20 Novembre 2020.

Andrea Risi porta avanti ai Tezzi Bassi la passione che era già di suo padre Gianfranco. Ha lasciato la professione a Milano ed è salito quassù in Alta Valle.
A settembre l’ultimo premio al concorso nazionale di Castel San Pietro. Il gelato ad Albino e il piatto dello chef stellato, l’iniziativa Adotta un’arnia.

Diversi premi, anche a livello nazionale, sono stati vinti, per la qualità dei prodotti, dall’azienda agricola Ronchello, che produce miele ed opera a Gandellino, sul fianco della montagna, in mezzo al verde. Esattamente, l’azienda si trova ai Tezzi Bassi, una frazioncina di poche anime.
Nel 2018, alla Ronchello è stata assegnata una “goccia d’oro” per il miele di castagno al concorso nazionale di Castel San Pietro Terme (Bologna). Nella stessa località due gocce d’oro  le sono state assegnate, nel 2019, per il miele di tarassaco e una per il miele millefiori di Gandellino.
Sempre in quell’anno ha ricevuto un premio speciale al concorso “Dolce-Amaro” dell’Associazione bergamasca produttori di miele, così come la “Rosa Camuna d’argento” della Regione Lombardia, sempre per il miele di castagno. Altre “Gocce d’oro” le sono state assegnate a fine settembre 2020 per il miele di tarassaco nel concorso nazionale di Castel San Pietro Terme.
Insomma, un’apicoltura da Oscar. Alla base del successo c’è la passione di Andrea Risi. Con lui si impegna la mamma, Maria Luisa De Stefano Di padre in figlio. La famiglia Risi è originaria di Milano.

Dice Andrea: «La mia famiglia già molti anni fa villeggiava prima a Gromo e quindi a Gandellino. Mio padre Gianfranco, scomparso qualche anno fa, ci ha trasmesso la passione per l’apicoltura. Lui era insegnante di matematica, ma aveva la passione per la montagna e per le api. E cosi, acquistato un rustico in località Ronchello di Gandellino, dove ora viviamo, nel 2010 abbiamo dato il via alla nostra azienda, della quale, per un certo tempo, è stata titolare mia madre. Col passare del tempo l’abbiamo potenziata e abbiamo costruito un moderno laboratorio per la lavorazione del miele.
Andrea Risi ha fatto della passione del padre la sua, ha lasciato la professione di architetto e la metropoli ed è salito quassù, in Alta Val Seriana. Racconta: Oggi disponiamo di centotrenta arnie, che vengono via via spostate a seconda della stagione e delle relative fioriture. Le zone dove normalmente le collochiamo sono le province di Bergamo, di Brescia e di Cremona.
Diversi i tipi di miele che produciamo: il Millefiori di Gandellino, quello di Acacia (Robinia), di Castagno, Tiglio, Tarassaco.

L’azienda agricola, per essere più competitiva sul mercato partecipa a fiere e manifestazioni di varia natura, vende direttamente in azienda e nei negozi. In più prepara diversi prodotti a base di miele che stanno avendo successo. Oltre al miele – dice ancora Andrea
proponiamo diversi altri prodotti: l’Aromel miele balsamico delle Orobie Bergamasche, l’Enermel che è un miele energizzante ricostituente, il Nocciolmel (miele e nocciole delle Langhe) e un liquore a base di grappa e miele di acacia.
Oltre a propoli (antibiotico naturale), veleno d’api e caramelle al miele. Di concerto con una gelateria di Albino produciamo gelato a base di Aromel e, sempre con Aromel lo chef stellato del ristorante “Da Giorgio” di Ardesio si è inventato un primo piatto, che sta avendo successo. Vengono a trovarci diverse persone, anche scolaresche e per me è una gioia potere mostrare l’allevamento, spiegare come funziona, raccontare la vita delle api.
Andrea parla qui, ai Tezzi Bassi, in mezzo a questa natura che si tinge di oro.
Dice: Abbiamo avviato un’iniziativa particolare, si chiama “Adotta un’arnia“. Una persona o una famiglia sceglie un’arnia e durante l’anno ha diritto a ricevere il miele delle api di quell’arnia. Parecchie sono state adottate da consumatori di diverse regioni, che vengono
a Gandellino per visitare la nostra azienda. È anche un modo per far conoscere la Valle Seriana al di fuori della Lombardia. Per chi volesse conoscere meglio l’apicoltura di Gandellino, ecco il telefono: 389.191.97.65.

andrea risi architetto dolcezza prima bergamo

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con*

Accetto i Termini e Condizioni e la Privacy Policy